Ultime mostre

  • 2017 - Esposizione Triennale di Arti Visive Aeterna Roma
  • 2016 - VIII Biennale Internazionale d'Arte Castello Estenze Ferrara
La muta esistenza
E’ un lavoro che si inscrive tutto nella cifra del silenzio, una presentazione senza racconto, una sfida ad eguagliare la potenza non umana della presenza muta. La semplice presenza della cosa nello spazio è già il mistero dell’esistente, sembra dirci l’artista: l’irriducibile è l’evidenza stessa, la materialità inaccessibile della natura. L'artista pone sulla natura uno sguardo dolce e disincantato nello stesso tempo, senza concedere preferenze o rifiuti, e arriva a interrogare il fenomeno senza violarne il silenzio. Arriva alle radici della "realtà", cioè della "res" che si fa mondo, per sorprendere la "res" nella sua nudità, prima del suo farsi mondo nell'intreccio con il discorso umano. Vuole giungere alle radici mute del tempo sospeso in cui il reale scorre al di fuori delle capacità di significazione dell'uomo. Patrizia Crippa
Get the Flash Player to see this gallery.